Sunday, July 31, 2011

Off The Record: Interview with Josh T. Pearson

Josh T. Pearson, "Last Of The Country Gentlemen"



(Sotto per Italiano)     
Podcast after the jump.     

Out from the shadows of his home state of Texas or maybe it was Paris or Germany or just some friend's couch reappeared singer/songwriter/guitarist, Josh T. Pearson this year. He's been mostly absent from the music industry since the 2001 release "The Texas-Jerusalem Crossroads", by his former band Lift to Experience. Pearson was sorely missed by some and welcomed with open arms by the many who have come across his recent solo debut, "Last Of The Country Gentlemen". The album itself has drawn mass critical acclaim for its emotional intensity and straightforward candor. The songs are often hauntingly filled with a depth of despair that is hard to ignore. To say the album could make a grown man cry is an understatement. Many might identify with his music but few could ever publicly express themselves as eloquently as he has.
"Last Of The Country Gentlemen" speaks of the purgatory of a relationship gasping its last shallow breaths of respect and sincerity before igniting itself into pure hell fury. Pearson's lyrical veracity combined with the rhythmic plucking of bare fingertips on acoustic guitar delivers an achingly beautiful sermon. It is in this style of the true American grit country songwriter that he bares his cross. His songs do touch on the subjects that most country singers tend to dwell on... Love, hopelessness, faith, regret, anger, sorrow and a nostalgia for better times. But Pearson's approach is different: It is not self-reflective pity he delivers, he is lyrically purging his despair to music and it works... Quite well, actually. This makes the album too unique to categorize him in that quintessential country standard. Though if the country music world were to embrace him they might be the better for it.
Josh T. Pearson preaches of repenting the only way he knows how, through introspective guilt. And that's part of what makes this album so brilliant. It is brutal honesty that doesn't work itself out. The listener is given an open invitation to meet and face all of his personal demons head on by his side. Some might cower or run the other way at the anguish and loss but for those that do walk across the fire with him they will come to see Pearson as an honest man who is purely seeking redemption and forgiveness... And that is the God's honest truth.
Live at Teatro Comunale, Ferrara, Italy

Josh T. Pearson played at the exquisite Teatro Comunale in Ferrara, Italy on July 27th. The crowd feasted on every last word and note of his performance, demanding silence from the constant click and shutter of the photographers' cameras. Pearson was clearly in his element and his southern charm shined through as he joked with the audience, "I used to know a little Italian... He was about this tall", lowering his hand just above his waist.



I met with Pearson after the show for an interview and couldn't be more impressed with his humble nature and willingness to please his fans. Maybe it's just that southern hospitality I've come to know so well, (My wife is from the South too so I've seen first hand how gracious Southerners can be to strangers), or this man could really be the last of the country gentlemen.

Podcast: Josh T. Pearson Interview


UKN: Okay, before they kick us out because I guess they're gonna close I wanted to ask you first what does the title, "Last Of The Country Gentlemen", mean to you in relation to the songs of the album?

JTP: Well, uh, that's complicated. (Laughs) -Has a couple of meanings... I mean when... That's what a... That's what "She" called me. She called me, uh, "Country Gentleman", the woman that it's about. So it's sort of a love letter to her. That I was the last, last of the country gentlemen. Uh, that's her words not mine. What else? What else you got?

UKN: Okay. Your lyrics are deeply personal...

JTP: Yeah!

UKN: ...How much inner conflict did you have to go through to get them out?

JTP: Mmm... Quite a bit. I wasn't planning on releasing them. I treated it like a journal and then later, uh, my mind changed and decided it might be a good idea to put 'em out. It was just therapy, so uh, it was like journal entries. So I guess none more difficult than any other but difficult nonetheless. A little harder to get up and play them in front of people. It was easier writing them but more difficult putting them out.

UKN: Okay. How does your religious background affect your music? Did your parents or authoritative figures try to ban Rock-n-Roll when you were young?

JTP: Yeah... Well...

UKN: What do they think about your music too?

JTP: Well we weren't... I wasn't really allowed to listen to Rock-n-Roll until about twelve. Uh... And then it was pretty particular. So I was a late bloomer, I guess, uh, you could call it that. Religion was a big part of my upbringing and still a part of me now so it shades every color, um, that pours out of me. There's nothing I can do about it. Every aspect of my life it colors.

UKN: Did they listen to your music? Your family?

JTP: Nooooo...

UKN: No?

JTP: Not that I know of. My Mother has been to maybe two shows in twenty-five years of playing guitar. Maybe three... No, I think just two.

UKN: So they don't have an opinion about it?

JTP: No, no.

UKN: They should be proud.

JTP: Well, shit. Hey, I'll tell them you said so. Thank you.

UKN: Okay. You're currently living in Paris, I think or uh...

JTP: I was until about six months ago and then um I've been on the road ever since.

UKN: So, will you return back to Texas after the tour?

JTP: I will. Yeah, eventually uh, maybe in another five or six months or... The highway is my home right now. So, the back of a van and various couches... floors and couches... friends in different places inbetween shows so, uh... life as usual. Had lots of practice with it. But uh, I don't have a base in Paris right now. I got kicked out of that bar.

UKN: Okay. Do you prefer the acoustic dimension I guess, right now, to the electric. I read you switched sometimes. Well, I saw you in Dachau and okay you still, you're... you know focusing on the acoustic dimension, I guess.

JTP: It just kind of depends on where I'm at... At the time. Uh, the sort of songs who need to speak right now are... I can make them sing a little more with the acoustic guitar. I'm not opposed to electric. I'd love to do that, it's just uh, utility. I can't really afford a band right now. Maybe in a couple of more tours if we can get bigger crowds then I can afford to go electric and maybe switch between the two. That'd be nice but I just can't afford it right now to carry around the amps.

UKN: Maybe in a few months...

JTP: Yeah... That'd be nice. It's just been because uh, I can carry a guitar around on my own.

UKN: Well, yeah, you almost sensed the certain next question. You've been touring since the release of your album, I guess. And still have tons of dates to play. Is it starting to get to you or do you feel energized with every show?

JTP: I just took a few weeks off, uh... in the state of New York, recovering. We kinda played, I played, too many times in a row. This one is a little better paced. It about destroyed me but sometimes it's good to keep moving. We just didn't allow for days off, which was my fault. Uh... Things kept popping up and we decided to take it and try to pay the bills and cover the expenses so, um... we have to, you know you have to pay for the hotels when you're not playing too and those sort of expenses so, sometimes it's better to keep moving but uh... I think right now it's just to kinda keep my feet moving as much as I can and not look back for a while.

UKN: Okay, let's get to the last one and then I'll let you go.

JTP: These are good questions. You're doing a good job. Thank ya for your thoughtful time spent.

UKN: Thank you. Your solo album has given a new popularity to your former band, as you know. What are your thoughts on that?

JTP: Um, nothing right now at the moment. Uh, I'm gonna let it rest for a little bit, maybe later if I work out some more demons of my own. I've got about fifty albums in my head I need to get done first. But, maybe eventually if we could uh, afford it but those boys have jobs and families and it's expensive you know to quit everything and hit the road.

UKN: There might be a chance in the future to like, (when you played), for My Bloody Valentine?

JTP: Yeah I'd love it. Unfortunately we didn't sell quite as many records as My Bloody Valentine... at all. So, we'd have to fund that project our self. But, you never know. I finished, cut to finish, close to half of the second record I just didn't... So maybe one day. It'd be nice. I'd like to remix the thing and make it sound like we sounded live, at least do that. Cause uh, it kind of misses the energy of the live show, punk rock esthetic but uh, it's okay... Thank you for your questions. God Bless You. Appreciate it. Grazie mille.

*You can visit the Josh T. Pearson Website or the Josh T. Pearson Myspace for tour dates or to purchases his album, "Last Of The Country Gentlemen"


Traduzione in Italiano: Uscito dalle tenebre del Texas, o da quelle parigine o  tedesche... O più semplicemente rialzatosi dopo un lungo sonno dal divano di qualche suo amico, riecco Josh T. Pearson, cantante/autore e chitarrista rimasto assente dalle scene musicali fin quasi dalla pubblicazione nel 2001 del lodatissimo "The Texas-Jerusalem Crossroads" della sua ex-band, i Lift to Experience. Molti sentivano giustamente la sua mancanza, tanti altri hanno accolto il suo debutto da solista, "Last Of The Country Gentlemen" a braccia aperte. Il disco ha infatti unanimamente conquistato la critica planetaria  per la sua intensità emotiva ed estrema sincerità. Le canzoni sono ossessivamente ricolme di  una disperazione talmente profonda che è davvero impossibile da non riconoscere. Anche un cuore di pietra rimarrebbe scosso di fronte a sentimenti così accesi ed onesti. Molti ascoltatori potrebbero ritrovarsi nella sua musica e nei suoi testi  ma ben pochi cuori disperati possono esprimersi in maniera talmente eloquente come fa Josh.
 "Last Of The Country Gentlemen" parla del purgatorio di una relazione amorosa che sta esalando il suo ultimo respiro in quanto a  rispetto e sincerità, prima di accendersi in una furia infernale. La veracità dei testi, combinata con una trascinante tecnica fingerpicking riescono a dar vita a un sermone di un'estrema e dolente bellezza; Pearson porta la sua croce nella tradizione dei più coraggiosi ed autentici songwriter country americani. Le sue canzoni vanno a toccare temi comuni a tanti autori appartenenti al genere: amore, disperazione, fede, rimorso, rabbia, dispiacere e nostalgia di tempi migliori. Ma l'approccio personale e diretto di Pearson rende l'album troppo unico per rientrare nei canoni propri di quello stile. Ad ogni modo, se il mondo del country lo abbracciasse e riconoscesse per il talento che è, non farebbe altro che bene a se stesso.
Josh T. Pearson predica il suo anelito alla redenzione nell'unico modo a lui noto, ovvero tramite l'introspettiva ammissione delle sue colpe, e questa è una dei motivi per cui l'album è così geniale. Si tratta di un'onestà talmente brutale senza possibilità di espiazione. All'ascoltatore è dato un invito aperto ad affrontare questi demoni; qualcuno non ce la farà e scapperà a gambe levate per tanta angoscia e senso di perdita, ma coloro che invece cammineranno fieri sui carboni ardenti insieme a  lui vedranno al loro fianco una persona sincera alla ricerca di salvezza e perdono... E questa è l'unica verità ammissibile.

Josh T. Pearson ha suonato in concerto nel mirabile Teatro Comunale di Ferrara il 27 luglio scorso. Si può dire che il pubblico pendesse dalle sue labbra, da ogni sua parola e nota, richiedendo il silenzio interrotto dall'incessante rumore e dai click delle macchine fotografiche. Pearson si trova decisamente a suo agio, il suo carisma "sudista" ha brillato mentre si lanciava in battute a doppio senso come quella riguardante la sua conoscenza dell'italiano ("I used to know a little Italian... He was about this tall"), abbassando la mano a livello della vita ad indicare un italiano nano... L'ho incontrato dopo lo spettacolo, in seguito alla sua generosissima session di autografi nel corso della quale ha accontentato tutti i fan, dal primo all'ultimo. A parte il suo docilissimo carattere, deve proprio trattarsi della famosa ospitalità del Sud degli States (mia moglie proviene proprio da lì ed ho avuto modo di conoscere in prima persona la loro tipica gentilezza)... Oppure Josh è davvero l'ultimo dei gentiluomini di campagna.

UKN: Okay, prima che ci caccino fuori di qui, visto che penso stiano per chiudere volevo innanzitutto chiederti cosa rappresenta per te il titolo dell'album  "Last Of The Country Gentlemen", in relazione alle canzoni che lo compongono.

JTP: Beh, uhm, è complicato... (ride) Significa un paio di cose... Voglio dire quando... Quello era... Quello era il modo con cui "lei" mi chiamava. Mi chiamava "Country Gentleman", la donna di cui parlo nel disco. E' una sorta di lettera d'amore indirizzata a lei. Diceva che io ero l'ultimo, proprio l'ultimo dei gentiluomini di campagna. Quelle sono le sue parole, non le mie. Cos'altro? Cos'altro mi vuoi chiedere?

UKN: Okay. I tuoi testi sono molto personali...

JTP: Eh già!

UKN: Quanto conflitto interiore hai dovuto superare per tirarli fuori?

JTP: Uhm, un bel pò. Non pensavo che avrei pubblicato queste canzoni. Facevano parte di una specie di diario e poi, uhm, ho cambiato idea ed ho pensato che sarebbe stata una bella idea pubblicarle. Era solo una terapia, pagine di un diario. Quindi penso che non sia stato più difficile di altre volte... Ma comunque difficile. E' più dura salire sul palco e suonarle di fronte alla gente. E' stato facile scriverle, più difficile pubblicarle.

UKN: Quanto ha influito il tuo background religioso sulla tua musica? I tuoi genitori o altre figure autoritarie provarono mai a bandire il rock'n'roll dalla tua vita quando eri giovane?

JTP: Si... Beh...

UKN: E cosa pensano della tua musica?

JTP: Beh, non eravamo... Non mi era permesso di ascoltare il rock'n'roll fino all'età di dodici anni. E poi era una cosa un pò particolare. Sono "sbocciato" un pò in ritardo, si potrebbe dire così. La religione è stata una parte consistente della mia educazione, della mia crescita e lo è tuttora. Essa dona sfumature ad ogni colore che dipingo. Colora ogni aspetto della mia esistenza.

UKN: La tua famiglia ha mai ascoltato la tua musica?

JTP: Noooo...

UKN: No?

JTP: Non che io sappia. Mia madre è stata a due miei concerti in venticinque anni di carriera. Forse tre. No penso solo a due.

UKN: Quindi non hanno un'opinione a riguardo?

JTP: No, no...

UKN: Beh, dovrebbero esserne orgogliosi.

JTP: Beh, cazzo, gli riferirò quanto hai detto. Grazie.

UKN: Okay. Al momento vivi a Parigi. O almeno penso...

JTP: Fino a sei mesi ci vivevo, ma poi uhm sono stato per strada da quella volta.

UKN: Tornerai in Texas alla fine del tour?

JTP: Oh si. Alla fine ci tornerò, forse tra cinque o sei mesi o... L'autostrada è la mia casa al momento. Il retro del furgone e diversi divani... Pavimenti e divani... Case di amici da cui vado tra uno spettacolo e l'altro... Solita vita, mi sono abituato a queste sistemazioni. Ma uhm, non ho base a Parigi al momento. Mi hanno cacciato da quel bar.

UKN: Penso che tu preferisca la dimensione acustica piuttosto che quella elettrica. Ho letto che passi dall'una all'altra a volte. Beh, ti ho visto a Dachau ed eri ancora concentrato sulla dimensione acustica...

JTP: Dipende da come mi sento... In quel momento. Il tipo di canzoni che hanno bisogno di farsi avanti adesso... Vengono meglio con l'acustica. Non sono contrario all'elettrica però. Mi piacerebbe suonarla ma è questione di... Necessità. Non posso proprio permettermi una band al momento. Forse tra un paio di tour, se suonerò di fronte a platee più grandi, allora potrò permettermi di riprendere in mano l'elettrica, magari passando da una all'altra. Sarebbe bello ma non posso proprio permettermi di portare in giro amplificatori, allo stato attuale.

UKN: Forse tra qualche mese...

JTP: Si sarebbe bello... E' solo che uhm posso portare in giro la chitarra per conto mio.

UKN: Beh, hai quasi risposto alla mia prossima domanda. Sei stato in tour fin dalla pubblicazione del tuo album, immagino. E ci sono ancora tante date da fare. Cominci ad essere stanco o esci più forte, rinvigorito da ogni spettacolo?

JTP: Mi sono appena preso qualche settimana di pausa uhm nello stato di New York, per riprendermi. Abbiamo suonato, ho suonato troppe date di fila. Questa (parte del tour) va ad un'andatura migliore. Mi ha quasi distrutto ma a volte è meglio tenersi in movimento. Non ci permettemmo dei giorni di pausa, il che è stato un mio sbaglio. Uhm, gli impegni continuavano a saltar fuori, così abbiamo pensato di accettarli, anche perché avevamo spese e conti da pagare. Sai, devi pagare le camere degli hotel anche quando non suoni, insomma quel tipo di spese. A volte è meglio tenersi in movimento ma... uhm serve proprio per tenere i piedi in movimento e non guardarsi indietro per un pò.

UKN: Okay, passiamo all'ultima che poi ti lascio andare.

JTP: Queste sono belle domande. Hai fatto un bel lavoro. Grazie per il tempo che c'hai speso sopra.

UKN: Grazie. Il tuo album da solista ha ridato lustro all'opera della tua ex-band, come ben saprai. Cosa pensi a riguardo?

JTP: Uhm, non penso niente al momento. Uhm lascerò che passi un pò di tempo, forse più avanti, se affronterò altri miei demoni. Ho cinquanta dischi in testa che voglio realizzare innanzitutto. Ma forse, più avanti, se potremo permettercelo, anche se quei ragazzi hanno tutti un lavoro, una famiglia e costa molto lasciare tutto per tornare sulla strada.

UKN: Quindi c'è una possibilità per il futuro, come quella volta (che avete aperto) per i My Bloody Valentine?

JTP: Si, mi piacerebbe. Purtroppo non abbiamo venduto tanti dischi come i My Bloody Valentine, anzi direi che non ne abbiamo venduti per niente.Quindi dovremo finanziare quel progetto da soli. Ma non si sa mai. Ho finito, completato dall'inizio alla fine, quasi metà del secondo disco, non ho... Quindi chissà, forse un giorno... Sarebbe bello. Mi piacerebbe rimixarlo e farlo sembrare come se l'avessimo suonato dal vivo, almeno fare quello. Perché gli manca l'energia del live, l'estetica del punk... Ma uh, è OK. Grazie per le domande. Dio ti benedica, lo apprezzo... Grazie mille.

*Potete visitare il sito di Josh T. Pearson o il suo Myspace per cercare le date o comprare l'album "Last Of The Country Gentlemen".

3 comments:

  1. hey nicky I can tell the south is really rubbin' off on ya! lol will check this guy out!

    ReplyDelete
  2. Sono andato al concerto era fantastico!!!!!

    ReplyDelete
  3. Seems like he's a straight shooter! Good interview!

    ReplyDelete